Meditazione quotidiana

ASCOLTO PROFITTEVOLE

“Ponete mente a ciò che voi udite” (Marco 4:24)

Meditazione di oggi

Questo è un consiglio molto importante: “Ponete mente a ciò che voi udite”. Le cose che udiamo entrano nella nostra ani­ma e diventano parte del nostro essere: danno forma e colore al nostro carattere. Sono giunte a noi infinite benedizioni attraverso la carta stampata. Ci sono migliaia di buoni libri, le cui pagine sono come foglie dell’albero della vita, per la guarigione delle nazioni. Ma ci sono anche migliaia di libri malvagi, le cui pagine hanno il fetore del veleno e che spargono virus mortali. Con tutta questa massa di libri, buoni e cattivi, è di vitale importanza fare attenzione a ciò che udiamo. Non mangeremmo del cibo avvelenato: perché allora dovremmo mettere del veleno nella nostra mente? Se apriamo gli orecchi alle cose cattive che vengono in continuazione pronunciate e che giungono a noi su spregevoli pagine stampate, il nostro cuore diverrà stolto e immondo, e la nostra vita sarà dissoluta. Dovremmo chiudere i nostri orecchi a tutto ciò che non è santo. Molte vite che risultano rovinate hanno visto l’inizio del loro deterioramento nel momento in cui una parola impura è stata sussurrata in un orecchio disposto ad ascoltare, o quando un libro o un articolo abietto è stato letto di nascosto. D’altra parte, ogni vita bella è stata resa tale da quando ha ascoltato qualcosa di edificante. Siamo salvati dalle parole. Le parole pure e veraci trasformano. La Bibbia è un libro di parole: ma ognuna di esse contiene una rivelazione di qualche verità che dovremmo impegnarci a vivere. Do­vremmo udire le parole di Dio con gioia, perché possiamo farlo sempre in maniera sicura e profittevole. Inoltre, dovremmo aprire i nostri orecchi alla voce che parla in ogni buon libro. Infine, non dobbiamo dimenticare l’altro consiglio del Maestro: “ponete mente a come voi udite”. Dovremmo udire in maniera premurosa e riverente, permettendo alle buone parole di Dio di entrare nel cuore, in modo da trasformare la nostra vita.


Torna alla pagina delle meditazioni