Qual’è la vera religione?

È un interrogativo più che legittimo di fronte all’esistenza di tante denominazioni a carattere religioso. Di fatto in tanti parlano di Dio, ma chi parla veramente da parte di Dio? In altri termini, chi è nella verità?
La Parola di Dio, la Bibbia, ci insegna che la verità assoluta è una persona. Gesù disse: “Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giov. 14:6).
L’affermazione di Gesù “nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” non lascia alcun dubbio: un vero rapporto tra noi e Dio Padre non può prescindere dalla conoscenza e dalla presenza di Gesù nella nostra vita.
Non è mediante l’appartenenza ad uno piuttosto che ad un altro gruppo religioso che si può sperare di essere graditi a Dio.
Gesù, con grande amarezza e dispiacere, disse nei confronti di chi si vantava della propria religiosità e tradizione: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il cuor loro è lontano da me. Invano mi rendono il loro culto, insegnando dottrine che sono precetti d’uomini” (Mat. 15:8-9).
A volte il fatto di essere nati in una nazione che si definisce “cristiana” induce le persone a non cercare Dio, illudendosi di averLo già realizzato nella propria vita; credono cioè di essere cristiani per aver ereditato la religione dei propri antenati.
Ma ciò corrisponde realmente alla volontà di Dio per ognuno di noi?
Giovanni Battista fu molto esplicito in questo senso, facendo comprendere ad alcune persone che non potevano ritenersi figliuoli di Dio semplicemente perché discendenti di Abramo, benchè fosse il “padre della fede ebraica”.
Infatti Giovanni Battista disse : “E non pensate di dir dentro di voi: abbiamo per padre Abramo; perché io vi dico che Iddio può da queste pietre far sorgere dei figliuoli ad Abramo” (Mat. 3:9).
Questa verità è confermata anche da Gesù che dice: “Ecco, io sto alla porta (del cuore) e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me”. Occorre quindi cercare e trovare Dio nella propria vita!
Amico, amica, non cercare una religione perché ciò non ti gioverebbe a nulla. È scritto: “Il Signore gradisce forse gli olocausti e i sacrifici quanto l’ubbidire alla sua voce? No, l’ubbidire è meglio del sacrificio” (I Sam. 15:22).
Certo, l’ubbidienza alla Parola di Dio è la giusta via verso il cielo; ma Dio non si rivela attraverso l’osservanza di riti, pratiche ed opere, che magari non hanno alcun fondamento biblico e sono imposti dall’uomo mediante una religione.
Amico, amica, non ti proponiamo una nuova religione, ma ti invitiamo a ricevere per fede Cristo Gesù nella tua vita, ad appropriarti del Suo sacrificio sulla croce mediante il quale potrai ricevere la salvezza eterna dell’anima tua.
Prega Dio con spontaneità e sincerità di cuore, chiediGli di manifestarsi nella tua vita, sapendo che la vera fede “…..viene dall’udire e l’udire si ha per mezzo della Parola di Cristo”(Rom. 10:17

Chiudi il menu