I Dieci Comandamenti in Louisiana

In Louisiana arrivano per legge i 10 Comandamenti nelle scuole pubbliche: divampa la polemica

La Louisiana è diventata il primo stato americano a adottare una legge che impone l’esposizione dei 10 Comandamenti in ogni aula scolastica, dalle elementari all’Università.

La normativa, entrata in vigore dopo l’approvazione da parte dell’esecutivo richiede che entro il 2025 in ogni aula di istituto pubblico o sovvenzionato dallo stato venga affisso un poster con il testo dei 10 Comandamenti in “caratteri grandi e facilmente leggibili” come “punto centrale”. Prevista anche una “nota di contesto” che li presenterà come “parte importante dell’istruzione pubblica americana per quasi tre secoli”.

Una decisione che fa già discutere e che rischia di alimentare nuove battaglie legali. Gruppi per i diritti civili contestano infatti la legge sostenendo che vìoli il principio di separazione tra Stato e Chiesa sancito dal Primo Emendamento della Costituzione americana.

Non sappiamo se questa normativa supererà il vaglio della Corte Suprema che già nel passato ha giudicato incostituzionali tali iniziative, in tutta sincerità dinanzi a queste scelte sorgono, in maniera naturale, dei profondi dilemmi.   Molti si chiedono se queste scelte siano dettate da genuine espressioni di devozione, da un autentico rispetto per la Bibbia o sono piuttosto il tentativo di imposizione di una certa visione della vita.

Le polemiche nascono, per ovvi motivi, e non sono per niente inaspettate, anzi a dire il vero alcune iniziative sembrerebbero intraprese proprio per “scatenare” un dibattito e, in alcuni casi, suscitare reazioni “estreme” a scopo elettorale in una società già fortemente polarizzata.

Non è saggio usare, la Bibbia o  parte di essa come pretesto per dividere gli animi, in opposti schieramenti, anche in considerazione di una società che presenta sensibilità diverse tra loro, per cultura, estrazione sociale, nazionalità… (continua)

 

Per seguire il Notiziario ADI in cui è stata pubblicata questa notizia potete cliccare qui